12 gennaio 2022

Castello di Aymavilles

Carpenteria lignea quattrocentesca

Il Castello di Aymavilles si trova nell'omonimo comune, ubicato a pochi chilometri da Aosta, in direzione di Cogne. Rimasto chiuso per restauro per parecchio tempo è stato temporaneamente aperto durate il periodo natalizio 2021/2022, ma per il mese di aprile se ne prevede l'apertura regolare.
La sua storia inizia nel Duecento quando era presente una casaforte dei signori De Amavilla. Con la metà del Trecento Aimone di Challant-Aymavilles ha costruito una struttura a monoblocco e il figlio Amedeo all’inizio del Quattrocento ha aggiunto le quattro torri angolari.
A metà del Quattrocento Giacomo di Challant ha dotato la struttura di un altro piano abitabile sopraelevando ulteriormente le torri e rifacendo il tetto con una struttura lignea ancora oggi visibile. La morte di Renato di Challant a metà del Cinquecento ha segnato l'inizio del periodo di decadenza del castello.
A Joseph-Félix de Challant, all'inizio del Settecento, si deve l’ultimo grande intervento con l'inserimento dei loggiati e delle decorazioni di stucco.
All'inizio dell’Ottocento, il castello fu ereditato da Teresa de Challant, il cui figlio Vittorio ha lasciato una ricca collezione d'arte italiana, dispersa dopo la sua scomparsa.
Con la fine dell'Ottocento il castello è stato acquistato dalla famiglia ligure Bombrini che nel 1970, lo ha ceduto alla Regione Autonoma Valle d'Aosta che ha provveduto al lungo restauro.

merli e beccatelli